EREMI DELLA MAJELLA

Il territorio abruzzese è costellato da numerosi eremi scavati con perizia e determinazione da un gruppo di anacoreti che nel corso dei secoli hanno deciso di fuggire le pazze folle alla ricerca del silenzio in una natura estrema e incontaminata. Essi sono quei luoghi sacri per la Chiesa o per il popolo, realizzati in grotta, dove la roccia rappresenta una parte significativa dell’edificio o del culto. In alcuni casi la parte in roccia è trascurabile rispetto al costruito, ma spesso proprio quella parte rappresenta il nucleo originario del luogo di culto intorno al quale si è poi sviluppato l’edificio sacro.

Nel 2006 Italia Nostra Abruzzo ha iniziato a interessarsi all’eremo di Santo Spirito per preservare l’edificio da un intervento di ristrutturazione che intendeva sventrarlo per farne un albergo per i pellegrini. Il passo successivo ha portato al progetto di recupero e all’attuale gestione della struttura da parte della cooperativa Riparossa, che rende possibile la visita ai turisti italiani e stranieri che, sfidando l’isolamento, si avventurano sino al romitorio. Il progetto di Italia Nostra, condiviso con i Comuni della Maiella, intende valorizzare tutti gli eremi edificati da Celestino V nel territorio, vera anima spirituale della Majella. Il Comune di Roccamorice e Italia Nostra si sono accordati per definire una modalità di gestione che possa permettere un uso qualificato e continuativo dei suoi spazi, coerentemente con lo spirito dei luoghi, che potrebbe facilitare la tutela di ques

to gioiello, sito nel Parco della Majella, e rendere possibile quell’attivazione dei cittadini che è alla base della conservazione dei beni comuni.

Sulla base di queste considerazione YOUrbanMOB supporta il progetto di fruizione e valorizzazione degli Eremi, attraverso la creazione di una rete sul territorio, creando una serie di elaborati a supporto al progetto.

DOWNLOAD Eremi della Majella_depliant.compressed

DOWNLOAD Eremi della Majella_brochure info

Mappa dei percorsi