PROCESSI PARTECIPATI

L’obiettivo principale è far dialogare le Amministrazioni con i cittadini per costruire insieme ad essi un percorso educativo e culturale che modifichi la percezione per cui i manufatti della città sono dei “non-luoghi”, aree pericolose, degradate, e nei casi peggiori, ricettacoli di criminalità.
Il metodo partecipato tende a voler fornire elementi di riflessione e stimolare negli abitanti ragionamenti rispetto a delle scelte realmente realizzabili nel proprio territorio. In base alle realtà con il quale ci si confronta le fasi del processo partecipato mutano, mantenendo comunque le linee guida principali: osservazione delle modalità con cui i cittadini hanno plasmato i luoghi; un’intervista volta a stimolare una riflessione tra gli abitanti facendo emergere il legame individuale e collettivo che li lega a quel contesto; predisposizione di materiali conoscitivi sui quali i cittadini possano attuare specifiche scelte che troveranno riscontro nei successivi incontri dove si andranno a discutere gli esiti progettuali. Parecchie sperimentazioni sono state già condotte da YOUrbanMOB, in Calabria e non solo, e dalla risposta avuta da parte delle Amministrazione e dei cittadini appare chiaro che l’esercizio del diritto a partecipare è sempre più ritenuto indispensabile


02/09/2016  Bianco (RC)

“Mare Azzurro”

loc-bianco

YOUrbanMOB in collaborazione con i ragazzi dell’Atelier di tesi ReCycle dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria ha organizzato un incontro partecipato venerdi 02 settembre nella Sala consigliare del Comune di Bianco.

Al processo, al quale hanno partecipato i rappresentanti dell’Amministrazione e numerosi cittadini, si è discusso, in particolare, di idee e proposte di recupero dell’incompiuto complesso Mare Azzuro sito a Capo Bruzzano .

Numerose sono state le informazioni, le proposte e le criticità raccolte durante la giornata. 

 


04/06/2016  Mileto (VV)

“U CIRAMIDIU” area ex fornace Giordano
Spesso i cambiamenti nascono come 13263684_1059460844134613_9080705255611259249_n (1)frutto di una attività accademica e la realizzazione di una tesi di laurea ha riacceso i riflettori su un tema ormai sopito.


Questo è quello che è accaduto per l’ex fornace Giordano attiva a Mileto nel secolo scorso assieme ad altre fabbriche analoghe.

L’area produttiva oggi versa nel totale abbandono e necessita di una bonifica per la massiccia presenza di amianto.


Sabato 04 giugno si è svolto, nei locali della sala del consiglio del Comune di Mileto, un incontro partecipato, realizzato in collaborazione con Atelier ReCycle Università Mediterranea di Reggio Calabria, alla presenza di numerosi cittadini.


28/05/2016  Cittanova (RC)

VIAGGIO TRA LE FERROVIE (non) DIMENTICATE
13244193_1050721751675189_9191918005634220268_o (1)E’ questo il titolo dell’incontro organizzato nella Biblioteca comunale di Cittanova.

L’evento, cui hanno partecipato anche gli studenti dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria impegnati nello studio del riuso dei manufatti, della riduzione del consumo del suolo e dell’efficienza energetica, ha avuto ad oggetto l’analisi delle proposte di rigenerazione urbana e riutilizzo del tratto ferroviario Gioia Tauro – Cinquefrondi.

All’incontro hanno partecipato i sindaci dei comuni interessati dal tracciato (Cittanova, Rizziconi, Taurianova) e il vicepresidente del Consiglio regionale della Calabria.

Il processo partecipato si è svolto in tre tempi: una fase analitica con la compilazione di un questionario, una seconda di raccolta delle criticità e potenzialità dell’intero tratto ferroviario e la terza fase di formulazione di idee progettuali per il riuso.

 


20/05/2016  Siderno (RC)

RECYCLE – REUSE – RECOVER_proposte di riuso di aree dismesse a Siderno
13239456_1051320431615321_3838505544491631278_nYOUrbanMOB in collaborazione con i ragazzi dell’Atelier di tesi ReCycle dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria ha organizzato un incontro partecipato venerdi 20 maggio nella Sala consigliare del Comune di Siderno.

Al processo, al quale hanno partecipato i rappresentanti dell’Amministrazione e numerosi cittadini, si è discusso, in particolare, di due grandi aree industriali dismesse: l’ex cementificio D’Agostino e fornace Famà.

Numerose sono state le informazioni, le proposte e le criticità raccolte durante la giornata. 

 

 

 


14/11/2015 Marina di Gioiosa Ionica (RC)

RI-ATTIVIAMO gli spazi in abbandono
Locandina evento Marina di Gioiosa JSi è svolto sabato 14 novembre presso la Sala del Consiglio Comunale di Marina di Gioiosa Ionica il processo partecipato realizzato il collaborazione con il Comune.

L’Amministrazione ha colto con grande apprezzamento la proposta di collaborazione avanzata da YOUrbanMOB in merito alla partecipazione del Comune al bando Ministeriale di rigenerazione delle periferie.

Il progetto presentato al Ministero è stato il risultato della raccolta delle idee e proposte forniteci da cittadini e associazioni che hanno preso parte al processo partecipato. Si è scelto, sulla base dei parametri ministeriali, di puntare l’attenzione su Torre Galea e sulla zona ad essa circostante.

Si tratta di un’area con enormi potenzialità di sviluppo, dal punto di vista culturale ed economico, che se adeguatamente valorizzata, potrà costituire fattore di crescita sociale e occupazionale per tutta Marina di Gioiosa Ionica. 

 


Esiti processo partecipato


Visioni progettuali


28/05/2015  Roccalumera (ME)

EX FILANDA
12193270_936046336476065_7189016035125480024_nIl manufatto oggetto di interesse si trova all’interno del centro abitato e rappresenta un importante manufatto di origine produttiva che aveva una forte valenza per l’intera area circostante.

Le attività sono state finalizzate a raccogliere indicazioni per la definizione di un manifesto di interventi.

Il primo incontro con i cittadini è avvenuto il 28.05.2015 presso l’immobile di un Ex filanda da poco riconvertita e ristrutturata situata all’interno del comune di Roccalumera.

 

 


18/04/2015  Malagrotta (RM)

CONSOLIDARE LA TREGUA. Nuovi cicli di vita per la Valle Galeria
12208479_936048563142509_6090362080931243727_n

Processo partecipato per il recupero dell’area di Malagrotta in collaborazione con l’Unità di ricerca dell’Università di Reggio Calabria nel Programma di Ricerca di Rilevante Interesse Nazionale PRIN “RECYCLE ITALY” e l’Atelier di Tesi.

La comunità è stata invitata a raccontare le problematiche, le esigenze e le risorse da valorizzare della Valle Galeria in seguito alla chiusura della discarica di Malagrotta.

Da questa collaborazione sono emerse le linee guida del progetto rientrante nel workshop internazionale “ROMA 20-25 – Nuovi cicli di vita per la metropoli.”

 


31/07/2014  Scilla (RC)

Per un paesaggio condiviso: DEMOLIRE O RICICLARE?
12189177_936073866473312_1513678449453358193_nPROCESSO PARTECIPATO CON I CITTADINI DI SCILLA.
DEMOLIRE O RICICLARE?

La demolizione del vecchio tracciato A3 nel tratto Scilla-Palmi rischia di compromettere irrimediabilmente il patrimonio paesaggistico della Costa Viola.

In collaborazione con enti locali, associazioni e società civile si propone di sfruttare l’asse stradale dismesso come spina dorsale di un PARCO LINEARE che valorizzi il patrimonio ambientale, storico e culturale dell’intera area.
Tesi di laurea di Erika Fammartino, Vanessa Furfaro e Antonella Franzè.

 


Esiti processo partecipato

 


Visioni progettuali

 


10/05/2014  Saline Ioniche (RC)

Il caso SALINE IONICHE_metodo sperimentale
locPROCESSO PARTECIPATO CON I CITTADINI DI MONTEBELLO IONICO.
Due la aree interessate dall’analisi effettuata durante il processo partecipato: OGR e Ex Liquichimica.

Gli abitanti hanno messo in mostra una coerenza nelle loro scelte e una tendenziale adesione diffusa ad un modello locale a basso impatto volto al recupero delle potenzialità economiche già presenti nel territorio piuttosto che alla promozione di azioni ed investimenti dall’estero.
Tesi di laurea di Elisabetta Arena, Elisa Ciccone e Vanessa Giurlanda.

 

 


Esiti processo partecipato